“Up-to-date in tema di diagnosi, terapia e follow-up dei Tumori Neuroendocrini”

Invited speaker all'evento il prof. Massimiliano Caprio

Sono considerate patologie rare, eppure le diagnosi di tumori neuroendocrini risultano quintuplicate negli ultimi anni, rendendo dunque necessaria una formazione specifica e interdisciplinare. Proprio a questa esigenza risponde “Nettare” (Neuroendocrine Tumors Task Force): un gruppo composto da diversi specialisti che si occupano del paziente, dalla presa in carico, alla diagnosi, dalla scelta congiunta del trattamento, al follow up.

Tra gli esperti che hanno partecipato all’evento NETTARE “Up-to-date in tema di diagnosi, terapia e follow-up dei Tumori Neuroendocrini”, tenutosi nei giorni 14 e 15 settembre presso il Policlinico Umberto I di Roma, anche il prof. Massimiliano Caprio, responsabile del laboratorio di Endocrinologia Cardiovascolare dell’IRCCS San Raffaele Pisana e Professore Associato di Endocrinologia presso l’Università Telematica San Raffaele Roma.

«Questo tipo di neoplasie», spiega il prof. Caprio, «può colpire diversi organi, tra cui intestino, pancreas, polmoni e tiroide. Sono i tumori neuroendocrini, neoplasie ormonali a bassa incidenza, che purtroppo stanno conoscendo un incremento significativo. Lo scopo della task force, composta da esperti di Endocrinologia, Radiologia, Medicina Nucleare, Oncologia, Gastroenterologia, Chirurgia generale, Anatomia patologica e Patologia clinica, è quello di mettere al centro la necessità dell'interdisciplinarietà per affrontare queste patologie, per identificarle tempestivamente e arrivare alla diagnosi e alla terapia nella maniera più corretta».

Vota questo contenuto
Commenti

Pubblica un commento

Captcha