NON SOLO ARTE, IL CINEMA “STRUMENTO TERAPEUTICO”

Il Gruppo San Raffaele al SABAUDIAFILM.COMmedia

Dall’8 al 15 luglio il SABAUDIAFILM.COMmedia: anche quest’anno la RSA San Raffaele Sabaudia sostiene la rassegna pontina dedicata alla risata

Ridere può essere talvolta la migliore medicina. Anche per questo, per il terzo anno di fila, il Gruppo San Raffaele sarà presente in qualità di sponsor alla rassegna cinematografica più divertente dell’estate. Dall’8 al 15 luglio torna nella città pontina il SABAUDIAFILM.COMmedia, il festival dedicato alla risata che da 3 anni tiene incollati alle sedie e agli schermi di Piazza del Comune abitanti e villeggianti della cittadina sabauda.

“Non c’è nessuna forma d’arte come il cinema per colpire la coscienza, scuotere le emozioni e raggiungere le stanze segrete dell’anima”, sosteneva il regista Ingmar Bergman. Il cinema oltre che metafora artistica di vita può farsi anche strumento terapeutico. La scelta del San Raffaele di sostenere in qualità di sponsor il festival cinematografico del centro pontino nasce proprio dalla convinzione che esista una stretta correlazione tra le necessità di benessere fisico e psicologico e l’arte, in questo caso cinematografica.

«Siamo profondamente orgogliosi di partecipare al SABAUDIAFILM.COMmedia – ha dichiarato il Prof. Natale Santucci, Direttore Medico Aziendale del Gruppo San Raffaele - specie se considerato l’alto valore sociale e culturale che riveste questa manifestazione, oltre che per i turisti anche e soprattutto per la comunità locale, cui ci sentiamo molto vicini. Il San Raffaele crede infatti profondamente nell’importanza del benessere, oltre che fisico anche psicologico delle persone, principio che quotidianamente si concretizza attraverso i servizi di cure e assistenza che offriamo ai nostri anziani ospiti della RSA di Borgo San Donato. In una pellicola può scorrere infatti molto più che una semplice storia. Oltre che una disciplina artistica in senso tradizionale, il cinema può rappresentare un linguaggio alternativo per comunicare, uno strumento per toccare le corde dell’animo dei pazienti colpiti ad esempio da Alzheimer e demenza senile e permettere loro di ricordare il proprio vissuto, ritrovare vecchie emozioni, tornare ad interagire con il proprio mondo, sia interiore che esteriore, strutturando di fatto una terapia personalizzata».

La manifestazione avrà luogo dall’8 al 15 luglio.  Anche quest’anno la direzione artistica è affidata a Ricky Tognazzi e Simona Izzo. Il concorso premierà, tra le commedie di maggior successo della stagione 2015/2016, la miglior commedia, il miglior attore protagonista, la miglior attrice protagonista, il miglior attore non protagonista e la miglior attrice non protagonista. Si aggiunge, infine, il premio alla migliore battuta, scelta dal pubblico. Sette i film selezionati per il concorso ufficiale: "Poveri ma ricchi" di Fausto Brizzi; "Moglie e marito" di Simone Godano; "La stoffa dei sogni" di Gianfranco Cabiddu; "Non si ruba a casa dei ladri" di Carlo Vanzina; "Smetto quando voglio 2" di Sydney Sibilia; "Mamma o papà" di Riccardo Milani e "L'ora legale" di Ficarra e Picone. La serata finale della kermesse vedrà la proiezione, fuori concorso, di "Lasciami per sempre" di Simona Izzo. L'edizione 2017 del SABAUDIAFILM.COMmedia prevede anche un nuovo riconoscimento: il Premio alla carriera dedicato a Bud Spencer, che sarà consegnato a Christian De Sica. Si tratta di una scultura, che fa parte della serie Legami, realizzata dalla figlia dell'attore scomparso un anno fa.

 

Visualizza la locandina

Vota questo contenuto
Commenti

Pubblica un commento

Captcha

Documenti allegati