Ponza: importanti novità emerse dagli Incontri clinico-radiologici di neuroscienze “Michela Bonamini”

Conclusa l’ottava edizione della tre giorni di dibattiti e formazione organizzata dal Prof. Pierallini

La patologia malformativa vascolare, sia cerebrale che spinale: questo l’argomento centrale del convegno nazionale di neuroscienze di Ponza, la tre giorni di dibattiti e formazione giunta ormai alla sua ottava edizione e divenuta un appuntamento annuale immancabile per i principali esponenti delle neuroscienze italiane.

«Anche da questa edizione, conclusa il 10 giugno, sono emersi importanti risultati scientifici. Flow diverter, coil, colle: con l'uso di microcateteri, in maniera mininvasiva, è oggi possibile raggiungere e chiudere la pressoché totalità delle malformazioni aneurismatiche ed arterovenose cerebrali e spinali», afferma il Prof. Alberto Pierallini, primario radiologo dell'IRCCS San Raffaele Pisana di Roma e organizzatore dell’evento.

Ad illustrare le ultimissime novità riguardanti i materiali e le tecniche utilizzate nell'approccio endovascolare, che ha drasticamente ridotto la mortalità e morbilità di queste patologie, si sono riuniti sull'isola di Ponza i principali neuroradiologi interventisti italiani quali Salvatore Mangiafico di Firenze, Francesco Causin di Padova, Mario Muto di Napoli. L'approccio neurochirurgico combinato è stato invece affrontato dai neurochirurghi Pietro Mortini di Milano, Vincenzo Esposito, Antonino Raco e Roberto Delfini di Roma. A margine del congresso si è svolta una tavola rotonda condotta dal Prof. Massimo Fini, direttore scientifico dell'IRCCS San Raffaele Pisana, sulle novità introdotte dalla nuova legge sulla responsabilità professionale del medico.

Vota questo contenuto
Commenti

Pubblica un commento

Captcha